Vai menu di sezione

Accesso civico "generalizzato" concernente documenti ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione obbligatoria

Contenuto dell'obbligo

Nomi Uffici competenti cui è presentata la richiesta di accesso civico, nonché modalità per l'esercizio di tale diritto, con indicazione dei recapiti telefonici e delle caselle di posta elettronica istituzionale

Riferimenti normativi
Art. 1 co. 1 lett 0a) della l.r. n. 10/2014 e ss.mm.
Art. 5, co. 2, d.lgs. n. 33/2013 e ss.mm.

L'accesso generalizzato è il diritto di chiunque di accedere ai dati ed ai documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione obbligatoria.

La richiesta di accesso generalizzato non necessita di motivazione e deve indicare:

-    i dati identificativi del richiedente;

-    i dati o documenti ai quali si riferisce, o gli elementi necessari per la loro identificazione.

La richiesta di accesso generalizzato può essere presentata alternativamente:

-    agli Uffici comunali competenti a detenere i documenti oggetto della richiesta;

-    all’Ufficio Segreteria/Relazioni con il Pubblico  (URP) il quale, se non direttamente competente, provvede a trasmettere la richiesta all’Ufficio di merito competente.

La richiesta può essere redatta sul modulo appositamente predisposto e presentata tramite:

- posta elettronica certificata: comune.cavalese@certificata.com;

-  posta elettronica: info@comunecavalese.it;

- posta elettronica: urp@comunecavalese.it;

-  consegna a mano o per posta ordinaria: Comune di Cavalese, Via S.Sebastiano, 7 - 38033 Cavalese (Tn).

Il responsabile dell’Ufficio comunale competente a detenere i documenti oggetto della richiesta si pronuncia sulla stessa con provvedimento espresso e motivato, comunicato al richiedente ed agli eventuali controinteressati.

Si applicano le esclusioni previste dalla legge, incluse quelle di cui all'art. 24, comma 1, della legge n. 241/1990 (nell'ordinamento locale si applicano le corrispondenti disposizioni dell'art. 32 bis, commi 1 e 2, della legge provinciale n. 23/1992). Si applicano altresì i limiti derivanti dalla tutela di determinati interessi pubblici e privati, elencati nell'art. 5 bis, commi 1 e 2, del decreto legislativo n. 33/2013.

In caso di accoglimento dell'istanza nonostante l'opposizione dei controinteressati, i documenti richiesti sono trasmessi al richiedente non prima che siano decorsi quindici giorni dalla ricezione della comunicazione stessa da parte dei controinteressati.

torna all'inizio del contenuto
Pagina pubblicata Lunedì, 04 Dicembre 2017 - Ultima modifica: Martedì, 30 Gennaio 2018
torna all'inizio del contenuto