Vai menu di sezione

Programma di Sviluppo Rurale 2014 - 2020

Progetti co-finanziati dal Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale

Per maggiori informazioni sulle opportunità di finanziamento, visita il sito del PSR e della Commissione europea dedicato al FEASR

Il Comune di Cavalese è beneficiario del Programma di Sviluppo Rurale, ovvero lo strumento del Fondo Europeo Agricolo (FEASR) attraverso il quale la Provincia Autonoma di Trento realizzerà del 2014 al 2020 interventi che orientano lo sviluppo del Trentino secondo le finalità delle politiche comunitarie e dei fabbisogni del contesto territoriale.

I progetti co-finanziati dal Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale del comune di Cavalese sono i seguenti:

Operazione: 4.4.1 - Recinzioni tradizionali in legno, risanamento di recinzioni in pietra, prevenzione di danni da lupo e da orso

Obiettivo:

  • promuovere la realizzazione di recinzioni tradizionali che consentano di praticare il pascolo turnato e delimitato, ovvero la tecnica ottimale per la gestione conservativa dei pascoli;
  • migliorare la qualità del paesaggio e l’attrattività turistica attraverso l’impiego di materiali tradizionali.

Focus Area 4A: Salvaguardia, ripristino e miglioramento della biodiversità inclusi i siti di Natura 2000, l'agricoltura ad alto valore naturale e la conformazione paesaggistica europea

PROGETTO: INTERVENTO DI REALIZZAZIONE DI RECINZIONI TRADIZIONALI IN LEGNO IN LOC. SALANZADA (p.f. num. 5522/1) E IN LOC. VAL ARMADA, (pp.ff. 5517/2 e 5623/1) IN CC. DI CAVALESE

Loc.Salanzada: Realizazione di palizzata con cavicchi e legature

 In loc. Salanzada si propone un intervento manutentivo a carattere straordinario, consistente nella realizzazione di una nuova recinzione, in sostituzione di quella attualmente presente, a delimitazione e separazione del pascolo riservato al bestiame asciutto da quello di pertinenza del bestiame da latte.

 Loc. Val Armada Realizzazione di palizzata di smezzole

In loc. Val Armada si propone la realizzazione di una nuova recinzione per la delimitazione del piazzale di deposito del legname e di un’area di parcheggio dalla superficie a pascolo.

Attualmente l’area è sprovvista di recinzione e questo comporta l’invasione da parte del bestiame al pascolo dell’area parcheggio e del piazzale di deposito del legname.

 Finanziamento: Spesa ammessa a contributo: € 25.850,00

Importo contributo: 60% € 15.510,00 di cui FEASR 42,98% (€ 6.666,20), STATO 39,914% (€ 6.190,66), PAT 17,106% (€ 2.653,14)

  

Operazione: 4.4.2 - Recupero habitat in fase regressiva

Obiettivo:

  • protezione degli ecosistemi naturali e seminaturali e della rete Natura 2000;
  • tutela delle specie minacciate di estinzione con azioni di protezione e ripristino degli habitat in fase regressiva (non boscate), per favorire la conservazione della flora e fauna - favorire interventi di mantenimento dei paesaggi montani come pascoli alberati o interventi non produttivi.

Focus Area 4A: Salvaguardia, ripristino e miglioramento della biodiversità inclusi i siti di Natura 2000, l'agricoltura ad alto valore naturale e la conformazione paesaggistica europea.

PROGETTO: INTERVENTO DI RECUPERO DI HABITAT IN FASE REGRESSIVA IN LOC. SALANZADA (p.f. NUM. 5522/1), IN LOC.VAL ARMADA, (pp.ff. 5517/2) IN C.C. DI CAVALESE.

Loc.Salanzada

L’intervento per il ripristino del pascolo in prossimità della malga Salanzada consiste in un intervento di parziale spietramento con concentramento in loco dei massi ed il pareggiamento delle superfici. I massi di maggiori dimensioni saranno lasciati in loco e quelli oggetto degli interventi di rimozione accatastati nelle vicinanze dei massi di maggiori dimensioni. Gli individui di abete rosso saranno eliminati i larici e le betulle saranno invece rilasciati. Le specie arbustive saranno tagliate e le ceppaie estirpate, i cespugli a portamento migliore, e quelli situati nelle aree limitrofe ai massi di dimensioni maggiori saranno rilasciati come aree rifugio per l’avifauna selvatica (Averla piccola e Bigia Padovana in particolare). L’area complessiva oggetto dell’intervento è pari a 3,000 ha.

Loc. Val Armada

In loc. Val Armada si interverrà sulle due aree in maniera distinta:

  • Parte superiore: intervento analogo a quello descritto per la Malga Salanzada, qui i massi saranno accatastati in maniera lineare per marcare il confine fra la zona a pascolo e la zona a bosco. L’area complessiva oggetto dell’intervento è apri a 1,000 ha.
  • Parte inferiore: sarà effettuata una trinciatura meccanizzata del cotico erboso con successiva semina con ecotipo locale come da allegato tecnico “Linee guida per gli inerbimenti con ecotipi locali compatibili per finanziamenti sul Programma di Sviluppo Rurale - Misure forestali". L’area complessiva oggetto dell’intervento è pari a 0,170 ha.

Costituisce parte integrante del progetto la realizzazione di una pozza naturalistica in loc. Val Armada/Cagnoni, secondo le caratteristiche riportate nella pubblicazione “Acqua dell’alpe” edita dalla Provincia Autonoma di Trento nel 2015. 

     

Finanziamento: Spesa ammessa a contributo: € 17.145,00

Importo contributo: 60%  € 10.287,00 di cui FEASR 42,98% (€ 4.421,35), STATO 39,914% (€ 4.105,95), PAT 17,106% (€ 1.759,69)

Per maggiori informazioni sulle opportunità di finanziamento visitare il sito del PSR www.psr.provincia.tn.it (apre il link in una nuova finestra) (apre il link in una nuova finestra)  e della Commissione europea dedicato al FEASR https://ec.europa.eu/agriculture/rural-development-2014-2020_it (apre il link in una nuova finestra)

Pubblicato il: Martedì, 16 Aprile 2019

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto